.
Annunci online

FriendsofISRAEL
Amici di Israele
CULTURA
17 agosto 2011
Virgolette galeotte...

di LCdC - La bufala della presunta frase di Primo Levi di nella quale si paragonano i palestinesi di oggi agli ebrei di eri ha una spiegazione molto semplice: la frase attribuita a Levi era una considerazione personale (fuori dal virgolettato) del giornalista de "Il Manifesto" Filippo Gentiloni. L'articolo in questione è stato pubblicato dal quotidiano comunista nel 1987 e per reperirlo bisogna consultare il loro archivio. Nell'articolo di Gentiloni, nel finale fuori virgolette l'autore aggiunge una sua considerazione personale, che gli antisionisti e gli antisemiti hanno poi passato per detta da Levi (nel pezzo vennero citati i dialoghi tra i protagonisti del romanzo di Primo Levi, “Se non ora quando”, a rinforzare la tesi secondo cui l’ebraismo non sarebbe stato in alcun modo riconducibile alla realtà israeliana) - ecco un brano dell'articolo: 

--- I partigiani ebrei russi di Primo Levi per difendersi non assomigliano agli israeliani sicuri di sé, senza dubbi e senza ironia che dominano dalle torrette dei carri armati di Begin e Sharon. Assomigliano ai personaggi lieti e folli di Chagall, ai saggi dei racconti hassidici raccolti da Martin Buber. (…) Alla fine di una ennesima discussione sulla identità ebraica con l’unico non ebreo del gruppo, il capo partigiano conclude: “ Anzi, ora che ci penso, noi abbiamo un inno, ma non abbiamo una bandiera. Dovresti farcene una, bella, invece di perdere tempo con la toilette. Una bandiera di tutti i colori, e in mezzo, invece della falce e del martello, o dell’aquila con due teste, o della stella di David, ci metterai un meshugge col berretto a sonagli e l’acchiappafarfalle”. Il meshugge di Levi è il fratello dello Schemiel di Singer, degli innocenti, dei violinisti di Ben Shahn non certo di Begin e Sharon. (…E ancora citando i dialoganti): “Il sangue non si paga col sangue. Il sangue si paga con la giustizia”(…) “Se i tedeschi hanno ucciso con il gas, dovremmo uccidere con il gas tutti i tedeschi? Se i tedeschi uccidevano dieci per uno, e noi faremo come loro, diventeremo come loro e non ci sarà pace più.” (…) “Ognuno è l’ebreo di qualcuno, perché i polacchi sono gli ebrei dei tedeschi e dei russi”. E oggi i palestinesi sono gli ebrei degli israeliani. --- 

articolo apparso sul Manifesto a firma di Filippo Gentiloni: “Quando la stella di David era il simbolo dei perseguitati”, (citazioni da Primo Levi, “Se non ora quando”) “ ne il Manifesto, 29 giugno 1989, pg.7




permalink | inviato da Giuseppe D. il 17/8/2011 alle 13:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
maggio        settembre

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 105958 volte